BIGtheme.net http://bigtheme.net/ecommerce/opencart OpenCart Templates
Berlino (Germania) dal 06 al 12/08/2018 Campionati Europei di Atletica Leggera, EAA European Championships - foto di Giancarlo Colombo/A.G.Giancarlo Colombo

FIAMME ORO A BERLINO: I NUMERI DEI PROTAGONISTI

di Federico Dell’Aquila

C’è molto di cremisi nelle medaglie azzurre agli Europei di atletica leggera, che si sono da poco conclusi a Berlino. Dell’oro, dell’argento e dei quattro bronzi italiani, due medaglie hanno avuto attori principali gli atleti Fiamme Oro, che hanno colto anche due quarti posti e tre record personali.

Il protagonista numero uno del gruppo sportivo della Polizia di Stato è stato Yeman Crippa, bronzo dei 10 mila metri con 28’12”15. Ma al di là del tempo ottenuto, superlativa è stata la sua gestione di gara. Sempre in mezzo al gruppo a marcar stretto il tedesco Ringer – che aveva la miglior prestazione dell’anno sulla distanza – nel corso della gara Crippa è stato abilissimo a capire che Ringer non era in giornata, lasciandolo al momento giusto e rimanendo nella testa della corsa quando il gruppo aveva cominciato a sgranarsi. La sua grandiosa progressione finale gli ha permesso poi di cogliere il bronzo. Dopo quattro giorni, per un soffio non è arrivato anche il bis di Crippa ma sui 5000 metri, chiusi al quarto posto in 13’19”85, ad una manciata di centesimi dal terzo, ad un secondo dall’argento e a meno di tre dall’oro!

Molto positiva anche la prestazione di Eyob Faniel, quinto nella maratona con 2h12’43” ma oro a squadre anche in virtù del bronzo di Yassine Rachik e del 12° posto di Stefano La Rosa, davanti ad una Spagna a Berlino molto competitiva in tutte le gare di endurance.

Oltre al quarto posto di Crippa, è doveroso raccontare la quasi medaglia di Massimo Stano nella 20 km di marcia. Sempre tra i primi ed in alcune fasi della gara davanti a dettare il ritmo, Massimo Stano ha chiuso fortissimo, quarto ad un solo secondo dal bronzo con il suo primato di 1h20’51”. Peccato davvero.

Non è entrata in finale dei 400 ostacoli con l’ottavo tempo (55”69) Ayomide Folorunso, che ha bisticciato un po’ con la ritmica e che ha pagato forse anche un avvio piuttosto prudente. Ma Ayo si è riscattata alla grandissima in 4×400 metri correndo una seconda frazione eccellente sia in semifinale (51”3) che in finale (51”53), in una staffetta dai grandi rimpianti che fino al terzo e ultimo cambio era in lizza per il podio e che hai poi chiuso quinta.

Molto positiva è stata la prova degli ostacolisti Paolo Dal Molin e Hassane Fofana, i migliori del primo turno dei 110 ostacoli, entrambi al primato rispettivamente con 13”40 e 13”50. In semifinale Fofana, nonostante un avvio non impeccabile e l’abbattimento della terza barriera, ha finito in grande spinta, concludendo undicesimo in 13”52, a sette centesimi dalla finale. La sfortuna invece ha tarpato le ali a Dal Molin che, in fase di riscaldamento, ha avuto un risentimento muscolare: si è così reso necessario un bendaggio “volante” quando era già sui blocchi di partenza. Paolo ha corso lo stesso ma evidente era la sua azione poco fluida a causa del problema fisico.

E’ rimasto fuori dalla finale dei 100 metri anche Marcell Jacobs, undicesimo con 10”28 e out dalla finale per sette centesimi, non schierato poi nella staffetta 4×100 metri azzurra dei fenomeni (Tortu: 9”99 sui 100 metri e Desalu 20”13 sui 200 metri), mai giunta in finale a causa di una squalifica per cambio fuori settore proprio tra Desalu e Manenti.

  E’ giunta al 18° posto Desiree Rossit con 1.81 metri nel salto in alto, gara con pedana a tratti scivolosa a causa della pioggia che ha visto non qualificarsi anche l’altra azzurra Elena Vallortigara, quest’anno al primato con 2.02 metri. Senza gloria purtroppo anche gli Europei di capitan Roberto Bertolini (71.94 metri nel giavellotto e 26° posto); degli esordienti: Linda Olivieri, al 19° posto con 58”47 nei 400 ostacoli, Nazzareno Di Marco (57.49 metri nel disco e 23° posto) e Daniele Corsa, convocato in extremis, che non ha preso parte né alle semifinali né alla finale della staffetta 4×400 metri, giunta sesta.

Foto di FIDAL COLOMBO/FIDAL

Guarda anche...

CITTADINI DEL FUTURO: A JESOLO EVENTO FIAMME ORO CON PROTEZIONE CIVILE E CROCE ROSSA

di Federico Dell’Aquila E’ in corso di svolgimento a Jesolo il “Fiamme Oro Young Camp”, ...

DOMANI AD ASIAGO LA PROIEZIONE DI UN DOCUREALITY SUI GIOVANI E IL LORO RAPPORTO CON LO SPORT

di Federico Dell’Aquila Sta entrando nel vivo ad Asiago il Training Camp delle Fiamme Oro ...