BIGtheme.net http://bigtheme.net/ecommerce/opencart OpenCart Templates
Padova 28-30 /08/ 2020 Stadio Daciano Colbachini Padova, Campionati Italiani Assoluti di Atletica Leggera - foto di Giancarlo Colombo/A.G.Giancarlo Colombo

FIAMME QUATTRO VOLTE D’ORO AGLI ASSOLUTI DI PADOVA

di Federico Dell’Aquila

4 ori, 3 argenti ed un bronzo. E’ ricco il bottino cremisi ai campionati italiani assoluti di Padova. Dopo la giornata inaugurale del venerdì in cui erano previste solo qualificazioni o batterie, la seconda e la terza giornata hanno regalato emozioni.

La prima notizia è che l’atteso duello sui 100 metri Tortu-Jacobs è stato esclusivamente a distanza e in semifinale. In finale si è presentato solo il nostro Marcell Jacobs, che ha sbaragliato la concorrenza con un probante 10”10, seppur ventoso (+3.3), dopo aver passeggiato in semifinale con 10”44 (+0.2). Per lui si tratta del terzo titolo italiano assoluto sulla specialità.

«La mancata presenza di Filippo, lo confesso, mi ha scaricato mentalmente: quando c’è una sfida io sono il suo punto di riferimento e lui il mio. Tutti ci aspettavamo un acceso duello in finale, io per primo. Mi dispiace che lui abbia dovuto rinunciare precauzionalmente a correre per un fastidio muscolare. Questo terzo titolo italiano consecutivo non me lo sto godendo al massimo…Sono partito controllato e poi gli ultimi 30 metri ho cercato di correre forte e penso di averlo fatto bene. Ora mi aspettano il meeting di Rovereto l’8 settembre, il 13 quello di Berlino e il 17 settembre il Golden Gala dove spero di poter correre nuovamente insieme a Filippo».

Non ha deluso le aspettative neanche il gentil sesso delle Fiamme Oro che ha regalato ben tre ori. La grande sorpresa è stata Dalia Kaddari che si è messa al collo l’oro dei 200 metri con 23”30 (-0.1), a soli cinque centesimi dal record italiano juniores di Vincenza Calì, tempo che risulta la miglior prestazione europea dell’anno under 20.

«Sono strafelice di questo primo titolo italiano, abbiamo lavorato bene e ci speravo. Mi aspettavo di correre veloce ma sinceramente al record italiano non ci stavo pensando. Ora gareggerò a Bellinzona il 15 settembre e il weekend successivo ai campionati italiani juniores a Grosseto. Sono fiduciosa».

Luminosa Bogliolo sui 100 ostacoli è stata un rullo compressore sia in semifinale che in finale. Nel suo primo turno, l’ostacolista della Polizia di Stato ha fatto segnare il miglior tempo con un buon 13”04 (+2.0) per poi vincere con merito la finale in 13”02, quando le condizioni climatiche erano meno favorevoli, con vento forte di direzione variabile (-0.2 la media del vento riscontrata dall’anemometro).

«Oggi l’importante era vincere e l’ho fatto. Mi fa piacere aver ottenuto il terzo titolo italiano all’aperto. Per il record italiano vedremo: aspetto con fiducia le prossime gare di Bellinzona il 15 settembre e poi il 17 “Golden Gala”».

Ayomide Folorunso ha confermato tutta la sua solidità vincendo la batteria in scioltezza in 57”90 e confermandosi nella finale vinta in 56”47.

«Sono contenta di aver fatto doppietta quest’anno con titolo italiano indoor sui 400 metri e outdoor su 400 ostacoli e di aver vinto “in casa” a Padova. Sinceramente avrei preferito realizzare un tempo più vicino al mio primato stagionale ma è stata comunque una buona prestazione: ha fatto bene per tre quarti di gara, seppur con qualche sbavatura tecnica. Ora mi aspetta il meeting di Rovereto l’8 settembre e il Golden Gala il 17».

Tornando agli ostacoli alti, Hassane Fofana si è dovuto accontentare del secondo posto in 13”86 dietro un Lorenzo Perini davvero in palla che ha vinto in 13”53” (+1.7).

Secondo posto anche per Erika Furlani nel salto in alto con 1.82 metri dietro Elena Vallortigara (1.88), stesso piazzamento, ma nel disco, di Nazzareno Di Marco con 58.81 metri dietro Giovanni Faloci (61.87 metri).

Si è piazzata terza infine nei 400 ostacoli Linda Olivieri (57”60).

Guarda anche...

BOGLIOLO E OLIVIERI DA PRIMATO NEL TAC DI FORMIA

di Federico Dell’Aquila Il primo weekend d’estate coincide con la ripresa del clima agonistico per ...

BOGLIOLO SENZA OSTACOLI. IN PISTA FOLORUNSO, OLIVIERI E SARTORI

di Federico Dell’Aquila Si torna finalmente alle gare o meglio si comincia con i TAC, ...