BIGtheme.net http://bigtheme.net/ecommerce/opencart OpenCart Templates

Folorunso Ayomide

Nasce in Nigeria nel 1996 ed è In Italia dal 2004 con i genitori, insieme alla sorella più piccola Ayoade. Il suo nome e cognome in copto è una benedizione: “la mia gioia è arrivata e l’ho affidata a Dio perché la protegga”.

FolorunsoFT - Fiamme Oro Atletica
Atleta: Ayomide Folorunso
Disciplina: Atletica Leggera
Specialità: 400m hs
Luogo di Nascita: Abeokuta (Nigeria)
Data di Nascita: 17/10/1996
Altezza: 1,70m Peso: 55kg
Allenatore: Maurizio Pratizzoli
Arruolato in Polizia: 05/06/2015
Residenza: Fidenza (PR)

 

Ayomide – chiamata dagli amici semplicemente “Ayo” – inizia a praticare l’atletica leggera nel 2009 prima con l’Avis Fidenza e poi con il CUS Parma. Ha rappresentato l’Italia a partire dal 2013 in Coppa del Mediterraneo ad Aubagne e ai Mondiali junior di Eugene, in cui è finalista nei 400hs. Detiene il record italiano junior dei 200 metri indoor e la miglior prestazione italiana junior nei 300 metri. Dal giugno 2015 rappresenta le Fiamme Oro quando fa subito doppietta ai campionati italiani juniores (400 e 400 ostacoli), cogliendo sugli ostacoli la medaglia di bronzo agli Europei under 20 sugli ostacoli e guidando la staffetta azzurra 4×400 metri all’argento nella stessa competizione con il nuovo record italiano di 3’37”45 (Mangione, Troiani, Putti, Folorunso). Nello stesso anno arriva anche la prima convocazione in nazionale maggiore e Ayo fa parte del quartetto del miglio presente ai Mondiali assoluti di Pechino 2015. Nel 2016 vince il titolo italiano assoluto indoor e all’aperto e si consacra atleta di caratura internazionale arrivando quarta agli Europei outdoor di Amsterdam sui 400 ostacoli, competizione in cui ha fatto segnare anche il suo primato di allora di 55”50, qualificandosi per le Olimpiadi di Rio de Janeiro. A Rio centra una prestigiosa semifinale sui 400 ostacoli e uno straordinario record italiano di 3’25”16 con la staffetta 4×400 metri azzurra (Chigbolu, Spacca, Folorunso, Grenot), che, in finale, giunge sesta a pochi decimi dal bronzo. E’ tra i protagonisti del film “L’altra faccia della medaglia”, che racconta il percorso di avvicinamento alle Olimpiadi di Rio 2016 di alcuni grandi atleti, tra impegno costante e prezioso lavoro di staff. A livello internazionale inizia il 2017 con il quarto posto agli Europei indoor di Belgrado nella staffetta 4×400 metri per poi vincere sui 400 ostacoli gli Europei under 23 di Bydgoszcz e le Universiadi di Taipei, centrando la semifinale ai Mondiali assoluti di Londra. Nel 2018 sfiora la semifinale sui 400 metri ai Mondiali indoor di Birmingham, competizione in cui con la 4×400 metri azzurra (Raffaella Lukudo, Ayomide Folorunso, Chiara Bazzoni, Maria Enrica Spacca) centra uno storico quinto posto con la nuova miglior prestazione italiana al coperto di 3’31”55. All’aperto aggiorna i suoi primati sui 400 metri (52”25) e 400 ostacoli (55”16) e vince l’oro con la staffetta del miglio ai Giochi del Mediterraneo di Tarragona, manifestazione in cui è d’argento nei 400 metri ostacoli. Gli Europei all’aperto di Berlino si chiudono con il quinto posto di staffetta e una semifinale individuale sui 400 ostacoli. Agli Europei indoor 2019 di Glasgow infine Ayomide Folorunso vince uno strameritato bronzo con la 4×400 metri insieme a Raphaela Lukudo, Chiara Bazzoni e Marta Milani (3’31”90). E’ della stessa stagione la migliore prestazione italiana dei 300 metri al coperto, ottenuta da Ayo con 37”38 il 10 febbraio a Metz, polverizzando il 38”8 di Daniela Ferrian vecchio di più di 30 anni (Torino, 17 gennaio 1987). Figlia di papà Emmanuel, geologo minerario, e di mamma Mariam, si è diplomata con il massimo dei voti al Liceo scientifico ed è iscritta alla Facoltà di Medicina e Chirurgia.

Ultime Notizie e Risultati:

 
 

Guarda anche...

Daniele Greco 2017 - Fiamme oro Atletica

Fiamme d’Oro con Folorunso, Chesani e Bianchetti

di Federico Dell’Aquila Seconda giornata dei campionati italiani assoluti e altre vittorie pesanti per il ...

folorunso - Fiamme Oro Atletica

Caccia all’oro per Folorunso e Bianchetti

di Federico Dell’Aquila Dopo l’anticipo padovano con i campionati italiani di prove multiple, la grande ...