BIGtheme.net http://bigtheme.net/ecommerce/opencart OpenCart Templates

LE FIAMME ORO FANNO 13 AI CAMPIONATI ITALIANI ASSOLUTI!

di Federico Dell’Aquila

Quello del ritorno allo Stadio Adriatico di Pescara, è stato un campionato italiano ricco di soddisfazioni per le Fiamme Oro, in virtù dei tre ori, quattro argenti e sei bronzi conquistati.

Vincere partendo con i favori del pronostico, lo abbiamo scritto, non è facile.  Marcell Jacobs c’è riuscito correndo con estrema facilità, laureandosi campione italiano assoluto dei 100 metri con 10″24 (+0.1). In finale ha battuto, nell’ordine, Rigali e Desalu arrivati a 10”33. Jacobs aveva impressionato già in qualificazione, dove aveva realizzato il miglior tempo proprio con 10”33 (+0.2).

«Il tempo non mi ha soddisfatto appieno ma siamo a fine stagione e l’importante era vincere. Nella prossima stagione alle indoor mi dedicherò ai 60 metri e all’aperto punto a tornare a schierarmi anche nel salto in lungo».

L’istantanea della prima giornata ha la faccia sorridente di Massimo Stano, che si è laureato campione italiano nei 10 km di marcia, che si sono disputati sotto la pioggia sul lungomare “Colombo”. Il crono di 39’19” è la miglior prestazione mondiale dell’anno oltre che il suo nuovo primato di quasi due minuti. Per l’allievo di Patrizio Parcesepe – allenatore Nazionale appartenente alle Fiamme Gialle – la festa è doppia considerato che la moglie Fatima Lotfi è arrivata terza nella stessa gara al femminile, lei che ha un passato da specialista di cross e mezzofondo, rigenerata e portata alla marcia proprio da Percesepe.

«Sono contento per il titolo italiano e per il primato personale. Oggi poi voglio anche festeggiare la medaglia di Fatima e la mia agli Europei!» – ha dichiarato Stano, a cui va il “leone d’oro” per l’autoironia considerato che a Berlino, com’è noto, è arrivato in realtà quarto, ad un secondo dal bronzo. Nella stessa gara si è difeso molto bene, polverizzando il proprio primato, l’atleta del settore giovanile cremisi Michele Disarò, allievo di Filippo Calore. L’under 20 è tredicesimo con il personale di 44’49”, risultando il secondo miglior junior dietro Barattini (44’36”).

19.39 metri ottenuto al terzo lancio fanno di Sebastiano Bianchetti il campione assoluto 2018 di getto del peso. Bianchetti ha battuto per 11 centimetri l’azzurro di Berlino Leonardo Fabbri.

«E’ stata una stagione lunga e difficile in cui non sono mancate le delusioni. A Pescara non ho realizzato la misura che speravo che so che valgo ma volevo il titolo e sono riuscito a farlo mio. In fondo qui contava il piazzamento, non la prestazione quindi sono contento».

Non è riuscita a vincere l’oro ma ha fatto davvero una bella gara Ayomide Folorunso, che ha chiuso seconda il giro di pista con ostacoli in 56”01 dietro Yadisleidy Pedroso (55”62), lei che in batteria aveva realizzato il miglior tempo con 57”28.

Grande ritorno in gara sui 5000 metri per Pietro Riva, sempre nel gruppetto di testa. A meno di tre giri al termine quando la gara inizia ad infiammarsi lui è davanti a tutti ma Razine risponde all’attacco facendo sua la gara con 14’04”31 contro il 14’05”29 di Pietro, che è d’argento.

Non è riuscito a vincere il suo ottavo titolo italiano Hassane Fofana che aveva corso la sua batteria con 14”04 (+0.5). In finale ha un po’ pasticciato in uscita dai blocchi e ha dovuto rincorrere, perdendo la facilità di corsa. Ha così chiuso al secondo posto con 13”69 (+0.4) dietro Perini (13”57) mentre Emanuele Abate non riesce a confermare il 14”15 (+0.2) della batteria, quarto tempo delle qualificazioni, chiudendo settimo in 14”62.

E’ seconda dietro Elena Vallortigara (1.91 metri) Desiree Rossit che tocca quota 1.79 metri, lei che da questa stagione si allena a Bergamo con Orlando Motta e Pierangelo Maroni.

Bisogna fare tanti complimenti a Giulia Riva, che è tornata a correre sotto i 24”00 i 200 metri (23”94 per l’esattezza): era dal 2015 che non succedeva. Con grande grinta Giulia si è presa il bronzo dei 200 metri, dietro alle azzurre della 4×100 Siracusa e Hooper. Giulia, assistita dalla Federazione e dal CONI, da dicembre è stata in raduno permanente al Centro dell’Acquacetosa, per essere curata dallo staff del Dr. Billi – medico della Nazionale – e seguire il percorso di riatletizzazione di Vincenzo De Luca, che l’ha poi allenata e portata nuovamente a correre tempi di buon livello. Già il 24”07 delle batterie era piaciuto molto.

La giornata di sabato era cominciata con una probante medaglia di bronzo di Enrica Cipolloni, tornata quest’anno ad alto livello dopo un lungo calvario dovuto ad infortuni ed operazioni ripetuti. Nella due giorni dell’eptathlon realizza 5097 punti complessivi con i due migliori punteggi fatti segnare nelle prime due gare: i 100 ostacoli con 14”41 (921 punti) e il salto in alto con 1.74 metri (903 punti).

E’ di bronzo anche il giavellotto di Roberto Bertolini che si è fermato a 73.25 metri scalzato all’ultimo lancio da Fent (74.17), con Fraresso davanti a tutti con 76.16 metri. Terzo posto anche per Daniele Corsa con 46”62 (47”78 il venerdì in batteria), battuto sul filo di lana da Scotti (46”57) e dietro l’imprendibile Re (45”92).

Ha invece agguantato il bronzo con un ultimo lancio a 58.72 metri il discobolo Nazzareno Di Marco dietro a Kirchler (59.09 metri), scalzato a sua volta al 6° lancio dal gradino più alto del podio da Faloci (61.53 metri).  Nella stessa gara Andrea Caiaffa fa 16.68 metri in qualificazione ma in finale non trova il lancio giusto, chiudendo undicesimo.

E’ terzo anche l’ultimo arrivato in casa Fiamme Oro Ala Zoghlami con 8’39”34 sui 3000 siepi dietro al gemello Osama, con Feletto che li brucia negli ultimi 150 metri con 8’34”17.

Nella finale ad eliminazione dei 200 metri, che perde subito per falsa partenza Andrew Howe, anche Enrico Demonte incappa nella squalifica, dopo aver avuto accesso alla finale con 21”49 (+0.2). Chiude quinta nel martello Francesca Massobrio con 57.40 metri (57.48 metri in qualificazione) mentre Desola Oki, dopo aver agguantato la finale dei 100 ostacoli con 13”72 (-0.2), in finale è ottava con 13”86.

(Foto di FIDAL COLOMBO/FIDAL)

Guarda anche...

CITTADINI DEL FUTURO: A JESOLO EVENTO FIAMME ORO CON PROTEZIONE CIVILE E CROCE ROSSA

di Federico Dell’Aquila E’ in corso di svolgimento a Jesolo il “Fiamme Oro Young Camp”, ...

DOMANI AD ASIAGO LA PROIEZIONE DI UN DOCUREALITY SUI GIOVANI E IL LORO RAPPORTO CON LO SPORT

di Federico Dell’Aquila Sta entrando nel vivo ad Asiago il Training Camp delle Fiamme Oro ...