BIGtheme.net http://bigtheme.net/ecommerce/opencart OpenCart Templates
bubkaVScoe - Fiamme Oro Atletica

Presidenza IAAF: Bubka VS Coe

di Domenico Fontana

Bubka contro Coe.
Uno scontro epocale.
Bisogna ripeterlo ed interiorizzarlo un attimo per rendersi conto che non è un nuovo capitolo della saga Marvel dei supereroi.

Ma i due candidati alla massima carica dell’atletica mondiale forse dei supereroi lo sono davvero.

Le loro carriere sportive sono sfavillanti, le loro imprese leggendarie e la loro bacheca dei trofei potrebbe anche accecare lo sventurato che osasse osservarla troppo a lungo.
Un dato basti a dare l’idea di quanta storia dell’atletica sia in gioco in questa sfida: 43 record mondiali tra i 35 dell’astista Bubka e gli 8 del mezzofondista Coe.
I loro nomi li conoscono tutti, anche chi non è un appassionato di atletica, i loro celeberrimi risultati sono un faro e un sogno per tanti che invece alla pista danno del tu, ma vi siete mai chiesti chi siano veramente? Cosa abbiano fatto fino ad ora? Perché dovrebbero essere in grado di affrontare un compito così arduo?

Conosciamoli un po’.

Il più vecchio tra i due è Lord Sebastian Newbold Coe, Barone di Ranmore.
Già il suo nome ci fornisce delle interessanti indicazioni su di lui: bold in inglese vuol dire ardito, audace, coraggioso e chi conosce qualche sua gara non potrà che concordare sul fatto che siano tutti epiteti che gli calzano a pennello! E ancor più suggestivo è il titolo di barone di Ranmore che l’associazione al personaggio può facilmente far risuonare nelle orecchie come Run More, “correre di più”!
Ma passiamo alle cose serie.
Seb Coe nasce a Londra nel 1956 anche se cresce e studia a Stratford-upon-Avon, la città natale di Shakespeare, giusto per farci entrare bene in testa che è inglese.
La madre è di origine indiana mentre il padre Peter, ingegnere, sarà per larga parte della sua carriera anche il suo allenatore, modificando profondamente i metodi di allenamento dell’Inghilterra dell’epoca.
Sebastian diventò Lord grazie ai suoi risultati sportivi.
Coe ha ben 4 lauree, una in Economia conseguendo la quale conobbe il suo primo allenatore e l’atletica di alto livello, e le altre in Tecnologia, in Scienze e in Lettere ottenute honoris causa nel corso della sua carriera post agonistica.
Anche le sue storie sentimentali sono legate allo sport: la prima moglie una giocatrice professionista di Badminton e la seconda la figlia di un celeberrimo giocatore di cricket già capitano della nazionale. Ha 4 figli.
La fine della carriera atletica ne ha fatto rapidamente un personaggio politico ed un imprenditore: infatti nel ’92 divenne parlamentare del Regno unito e negli anni ha sviluppato diverse attività imprenditoriali sia nel ramo del benessere che nel campo del marketing, in particolar modo il marketing associato allo sport.
Sono innumerevoli gli incarichi attraverso i quali ha acquisito competenze non comuni come manager nel mondo dello sport: è stato infatti prima il responsabile della candidatura di Londra per le olimpiadi del 2012 e, ad assegnazione ottenuta, responsabile organizzativo di tutta l’Olimpiade.
È inoltre il presidente del comitato olimpico inglese e consigliere esterno della FIFA in qualità di responsabile della commissione etica e giudice imparziale che possa dirimere le dispute interne alla federazione mondiale di calcio stessa.

Sergey Nazarovic Bubka invece nasce nel 1963 a Lugansk, città ad oggi tristemente nota alla cronaca a causa della disputa internazionale scaturita dalle rivendicazioni della Russia sulla regione dell’Ucraina che la contiene.
Nasce quindi in Unione Sovietica e la sua carriera agonistica lo vede rappresentare prima l’URSS e successivamente al suo smembramento l’Ucraina.
La sua carriera extra-atletica inizia ben prima della fine delle competizioni quando, nel 1996, entra a far parte in qualità di atleta del comitato olimpico internazionale.
Si è ritirato dalle gare nel 2001 e l’anno successivo era già parlamentare nel suo paese nonché consigliere speciale del primo ministro in materia di sport e di politiche giovanili.
Insieme alla carriera politica lo accomuna al collega Coe il successo imprenditoriale in particolare nel settore immobiliare ed in quello della grande distribuzione di prodotti alimentari.
Come l’avversario inglese sposa una sportiva professionista, la ginnasta Lilia Tutunik, dalla quale ha due figli, uno che si occupa delle imprese di famiglia e l’altro che da qualche anno gioca come professionista nel circuito mondiale di tennis. Dal 2003 è ambasciatore dell’UNESCO e collabora con l’organizzazione mondiale della sanità. Sportivamente è membro del Comitato Olimpico Internazionale, vice presidente della IAAF e presidente del Comitato Olimpico Ucraino.
Inoltre è stato responsabile della candidatura e poi coordinatore delle olimpiadi giovanili di Singapore del 2010.
Entrambi i candidati sono atleti, dirigenti e personalità di caratura internazionale anche extra atletica, entrambi sono imprenditori di successo, entrambi attivi da anni a vari livelli nella federazione mondiale.

Chi avrà la meglio in questo scontro tra titani che si concluderà a Pechino nell’agosto del 2015?

Chi avrà le idee più innovative per rilanciare l’atletica a livello mondiale?

Vi terremo aggiornati nei prossimi mesi!!!

Stay tuned.

di Domenico Fontana Bubka contro Coe. Uno scontro epocale. Bisogna ripeterlo ed interiorizzarlo un attimo per rendersi conto che non è un nuovo capitolo della saga Marvel dei supereroi. Ma i due candidati alla massima carica dell'atletica mondiale forse dei supereroi lo sono davvero. Le loro carriere sportive sono sfavillanti, le…

Review Overview

Fiamme Oro Atletica

Presidenza IAAF: Bubka VS Coe

User Rating: 4.66 ( 12 votes)
0