BIGtheme.net http://bigtheme.net/ecommerce/opencart OpenCart Templates

SI E’ SPENTO IL LEONE DONATO SABIA

di Federico Dell’Aquila

Se ne va un altro dei grandissimi dell’atletica italiana: Donato Sabia, 56 anni, non ce l’ha fatta a resistere alla spietatezza di un virus che non guarda in faccia nessuno, neanche i campioni dello sport, da sempre simbolo di forza e vigore. Una settimana fa veniva ripresa dai media la notizia che la SARS-CoV-2 si era portata via il padre di Donato, ma poco dopo Donato stesso è stato ricoverato anche lui all’Ospedale “San Carlo” di Potenza. Quando sembrava che il fisico da leone di Sabia stesse rispondendo al meglio all’iperventilazione della terapia intensiva, stamattina è arrivata la doccia gelida che il coronavirus Covid-19 ha vinto, strappandoci uno dei migliori interpreti del mezzofondo veloce italiano.

Arruolato nella Polizia di Stato nel 1981, da atleta Fiamme Oro nel 1984 fu oro agli Europei indoor di Goteborg sugli 800 metri e, il 26 maggio del 1984, a Busto Arsizio stabilì il record mondiale dei 500 metri con l’incredibile crono di 1’00”08, primato che resistette ben 29 anni e che è attualmente la miglior prestazione italiana sulla distanza. Negli annali dell’atletica italiana e cremisi rimarrà la sua stupefacente vittoria sugli 800 metri davanti al due volte campione olimpico Alberto Juantorena, facendo segnare lo straordinario tempo di 1’43”88 (Firenze, 13 giugno 1984). Di quell’anno è il quinto posto in finale sul doppio giro di pista a Los Angeles 1984 mentre è di Seul 1988 il 7° posto olimpico.

Donato Sabia lascia la moglie e due figlie: è a loro che va l’abbraccio delle Fiamme Oro e di tutti gli appassionati dell’atletica italiana.

Guarda anche...

ATLETICA: L’IMPORTANZA DELL’ALLENAMENTO MENTALE AI TEMPI DEL CORONAVIRUS

Dopo il buon senso, le nuove norme igienico sanitarie e le restrizioni progressive arriva il ...

BOGLIOLO E FOFANA IN POLONIA KADDARI AI NAZIONALI IN MAGLIA CREMISI

di Federico Dell’Aquila Comincia un altro weekend di gare per gli atleti Fiamme Oro. Nella ...